Velasquez vs. Dos Santos 3: analisi prima dell’incontro

di
Aggiornato: 19 ottobre 2013
Prec1 of 1Pros

UFC-166-conto-alla-rovescia

Dite quello che volete ma l’incontro per il titolo dei pesi massimi fu, è e sempre sarà il più importante e il più atteso evento dell’anno. GSP vs. Hendricks e soprattutto Anderson Silva vs. Chris Weidman sono importantissimi e attesissimi ma quando si possiede il titolo dei pesi massimi non si ha solo la cintura UFC ma si ha il diritto di essere considerato l’uomo più pericoloso sulla faccia della terra e questo rende il titolo dei pesi massimi di gran lunga il più importante di tutti.

Al momento sono due i lottatori più forti al mondo e per nostra fortuna entrambi lottano in UFC.

Per primo presentiamo il nostro campione, l’americano di origini messicane, Cain Velasquez. E’ un lottatore completo e a suo agio in tutte le aree del combattimento. Le sue armi armi migliori sono il wrestling, il ground and pound e la sua incredibile forma fisica, raramente si sono visti pesi massimi avere la resistenza e l’attacco continuo di Cain.

Il secondo, il brasiliano ed ex campione Junior Dos Santos. Fortissimo nel pugilato e a giudicare dalla sua ultima vittoria, è anche migliorato con i calci. Le sue armi migliori sono i suoi potentissimi pugni, la sua resistenza nell’assorbire i colpi e il suo movimento.

Questa sarà la terza volta che andranno uno contro l’altro.

La prima volta, il campione era Cain e JDS era lo sfidante. Non durò molto, dopo poco più di un minuto il brasiliano mise KO l’americano.

Cosa abbiamo capito dopo questo incontro? Se a Dos Santos gli si da libertà di movimento, un KO è molto probabile anche se ti chiami Cain Velasquez.

Nel secondo incontro, Cain si è preso la rivincita e che rivincita, ha massacrato Dos Santos per cinque round, dall’inizio alla fine, per ogni secondo dell’incontro.

Cosa abbiamo imparato dopo questo incontro? Al contrario del primo, abbiamo imparato tante cose ma una dovrà essere verificata in questo terzo incontro. Quindi cosa abbiamo veramente imparato?

1) Cain con pressione costante e minaccia dei takedown può far male e stendere Junior con pugni o calci.

2) Cain è capace di andare 5 round no stop con un ritmo impressionante.

3) E’ quasi impossibile mettere KO il brasiliano.

4) Il cuore di Dos Santos è immenso.

5) Cain è capace di assorbire colpi quindi non ha un mento debole come si diceva.

Cosa va verificato in questo terzo incontro e perché deve essere verificato?

Allora deve essere verificato perché anche se l’incontro è durato cinque round, in realtà è finito al minuto 1:22 del primo round quando Cain ha steso JDS e per poco non lo finiva. Tutto il resto del combattimento è stata una lunga agonia prima della fine. Quindi una cosa in particolare è ancora da verificare: prima di quel pugno, Cain ha portato a terra JDS solo una volta e il brasiliano si è rialzato senza problemi e tutti gli altri tentativi non hanno avuto successo. Quindi Cain è capace di portare a terra JDS, mantenerlo a terra e attaccarlo con il ground and pound?

All’evento UFC 166 tra 13 ore avrà luogo quello che probabilmente è da considerare l’incontro dei pesi massimi più importante nella storia delle MMA. Prima di questo il più importante era da molti considerato il combattimento tra Fedor Emelianenko e Mirko Cro Cop all’evento Pride Final Conflict 2005.

Come andrà questo terzo incontro?

Davvero difficile fare un pronostico quando a lottare sono due fantastici atleti come Cain e JDS. Potrebbe andare come nel primo incontro, potrebbe finire con lo stesso risultato del secondo ma qualcosa di nuovo e inaspettato potrebbe succedere, non dimentichiamoci che entrambi sono cinture nere di jiu-jitsu quindi vedere una sottomissione da entrambe le parti non sarebbe uno scenario da escludere.

Che deve fare Cain per mantenere la cintura?

Una risposta semplice sarebbe: esattamente quello che ha fatto nel secondo incontro. Ma come ho detto prima, il secondo incontro è finito nel primo round quindi come risposta sarebbe un po’ superficiale. Cain, in questo terzo incontro, per mantenere la cintura dovrà, come ha fatto nel secondo incontro, pressare Dos Santos fin dall’inizio, senza mai dare spazi al brasiliano e cercando di farlo stancare e una volta arrivati al terzo round la difesa dovrebbe ormai essere nelle sue mani.

Che deve fare Dos Santos per riprendersi la cintura?

Tante cose:

1) Continuo movimento e finte.

2) Utilizzare i diretti per mantenere Cain a distanza e rendergli più difficile capitalizzare i suoi takedown.

3) Cain ha una resistenza e una forma fisica assurda, Dos Santos se vuole farlo stancare dovrà concentrarsi a colpire Vealsquez con potenti colpi al corpo.

4) Cain è fortissimo con i takedown quando ha campo aperto quindi Dos Santos dovrà mantenersi vicino alla gabbia per ridurre i tentativi di Cain.

5) Se l’incontro dovesse andare a terra e se JDS non riuscisse a rialzarsi subito dovrebbe semplicemente rilassarsi, aspettare e tentare qualche sottomissione, senza sprecare troppe energie a tentare di rialzarsi.

6) Non preoccuparsi dei takedown. Se ha perso il secondo incontro è proprio perché era troppo preoccupato dei takedown, non fosse stato così preoccupato, probabilmente avrebbe evitato quel pugno nel primo round.

7) Piazzare uno dei suoi pugni per finire l’incontro per KO.

Mi scuso con coloro che aspettavano un pronostico ma davvero preferisco non sbilanciarmi. Cain sicuramente è il favorito ma quando si lotta contro uno come Dos Santos la vittoria non è mai facile.


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/mmaworld/public_html/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273